Sardinia Innovation

       Home  |  TAG  |  Events  |  Video  |  Partners
Sardinia Innovation Rss   Sardinia Innovation on Twitter   Sardinia Innovation on Facebook   Sardinia Innovation on Google Plus  
Articles > Focus > La saggezza delle masse per studiare le reti di geni

  View this article in PDF format Print article Send article

La saggezza delle masse per studiare le reti di geni

Created on 2013/5/28 | Update 2013/6/3 | 5625 reads
La saggezza delle masse per studiare le reti di geni

Il valore della conoscenza collettiva di una comunità umana è superiore alla somma delle conoscenze individuali. Sulla base di questo concetto un gruppo di ricerca internazionale ha sviluppato un approccio inedito per affrontare una delle sfide più impegnative nel campo della biologia molecolare e computazionale: scoprire e modellare reti di geni. Approccio reso possibile dall'evoluzione tecnologica ma anche dall'affinamento concettuale. di Andrea Mameli - Linguaggio Macchina


 


Lo studio, pubblicato su Nature Methods il 15 Luglio 2012 con il titolo "Wisdom of crowds for robust gene network inference", ha portato a ottenere una rete genica migliorata per l'organismo Escherichia coli e una rete genica completamente nuova per il batterio patogenico Staphylococcus aureus.


Per cercare di capire il valore di questo studio ho interpellato quattro degli autori: Alberto de la Fuente (CRS4), Vincenzo De Leo (LinkaLab, CRS4), Andrea Pinna (CRS4), Nicola Soranzo (CRS4).

Alberto De La Fuente, qual'è l'idea principale di questa ricerca?
«L'idea è che noi abbiamo affrontato l'inferenza di una rete di geni come una comunità, come una "folla". Molti gruppi in varie parti del mondo hanno estratto delle reti dai medesimi dati; nel nostro articolo mostriamo che la rete del consenso (community consensus network) ottenuta dal contributo di tutte le differenti reti generate è più affidabile rispetto alle singole reti individuali da cui è stata ottenuta. Pertanto la comunità è più "saggia" delle singole individualità che la compongono. Con gli altri colleghi del CRS4 (Andrea Pinna, Vincenzo De Leo e Nicola Soranzo) nel Dream5 consortium abbiamo contribuito alla creazione di un metodo che è stato valutato come uno dei migliori.»  

Nicola Soranzo, cos'è una rete di geni?
«Un gene è una porzione di DNA che contiene tutte le informazioni necessarie per la produzione di una proteina. Una rete di geni descrive le numerose e complesse interazioni attraverso le quali i prodotti di un gene influenzano l'espressione di un altro, ossia la produzione delle relative proteine. Le reti geniche si possono ottenere da matrici contenenti i livelli di espressione genica, cioè misure che indicano quante volte ciascun gene ha prodotto delle proteine durante il tempo di osservazione, per un certo numero di osservazioni (ad esempio 30 pazienti). Un modo classico per calcolare la probabilità di un'interazione fra due geni partendo da una matrice di espressione è misurare la loro correlazione nei vari campioni. Se le righe della matrice di espressione genica individuano i geni e le colonne i pazienti, la correlazione di ogni riga rispetto a tutte le altre è già una semplice rete genica, detta di co-espressione, che però non permette di capire chi influenza chi ma solo di sapere se due geni hanno una regolazione simile. Avendo a disposizione informazioni più complete è possibile risalire alla direzione delle interazioni tra i geni, ricavando quelle che sono le reti di regolazione.»

Vincenzo De Leo, cos'ha di particolarmente interessante questo articolo?
«È il primo caso in cui una comunità di scienziati di tutto il mondo è stata invitata a contribuire alla creazione di una nuova tecnica di analisi delle reti geniche; l'occasione è stata data dalla competizione DREAM 5 alla quale abbiamo partecipato insieme ai miei colleghi Andrea Pinna, Nicola Soranzo e Alberto de la Fuente: lo scopo della competizione era lo sviluppo di una nuova tecnica per l’identificazione dei bersagli dei fattori di trascrizione nelle reti di regolazione genica. I dati disponibili ai partecipanti contenevano delle matrici di espressione genica per 3 diversi microorganismi non specificati, relativi sia a stati stazionari che a serie temporali, ottenuti da centinaia di esperimenti effettuati in differenti laboratori e con diverse combinazioni di perturbazioni genetiche (inattivazione, sotto-espressione e sovra-espressione di geni), farmacologiche o ambientali. I 29 partecipanti alla competizione hanno inviato le loro predizioni indipendenti e le diverse tecniche di analisi da questi implementate sono state catalogate in sei categorie.

 

Dopo la valutazione delle predizioni da parte degli organizzatori (i quali conoscevano l'identità dei microorganismi e le relative reti di trascrizione) è risultato che nessuno dei vari metodi è nettamente superiore rispetto agli altri e hanno così scoperto che il valore delle predizioni migliorava combinando tra loro i singoli risultati forniti dai partecipanti. Come si può vedere dall'immagine sotto (figura 2.a) ogni categoria di analisi è rappresentata da un colore e in rosso è invece riportato il risultato della combinazione dei risultati (indicato come "community").

La barra rossa infatti è sempre più alta delle altre, pertanto più idee messe insieme forniscono risultati migliori. Da qui trae origine il titolo dell'articolo: "Saggezza delle masse" (Wisdom of crowds). La figura 3 (sotto) mostra inoltre l'aumentare della bontà delle predizioni all'aumentare del numero di contributi combinati tra loro (figura 3.a), mostra che la bontà delle predizioni è maggiore se i contributi sono presi da tecniche di analisi che non appartengono alla stessa categoria (figura 3.c) e mostra anche che la bontà delle predizioni aumenta anche se si combinano le peggiori tra le tecniche proposte (figura 3.d), anche se ovviamente l'aumento è maggiore se si prendono quelle migliori.»




Andrea Pinna, come si può applicare tutto questo agli organismi viventi?
«L'applicazione di questa tecnica di combinare diversi approcci ha portato all'individuazione di una forte struttura modulare in due dei microorganismi (Escherichia coli e Staphylococcus aureus) (figura 4.a - a destra), in cui ogni modulo è prevalentemente costituito da geni che svolgono un processo biologico molto specifico e con poche sovrapposizioni tra i moduli, quindi una struttura modulare molto nitida in cui è abbastanza chiaro cosa fa ogni modulo, per cui è possibile associare facilmente a geni di cui ancora non si sa molto la loro funzione in base al modulo a cui appartengono. Inoltre è stato possibile individuare 20 geni che probabilmente hanno un ruolo nella patogenesi del terzo microorganismo, il batterio Staphylococcus aureus (figura 4.b - sotto)

 

 

 

Source

Linguaggio Macchina

 

Originally Published 2012-09-10







comments powered by Disqus

Other articles in this category
#AutunnoinBarbagia #CortesApertasOrani 4.0: #Openitinerari, persuasioni, 3D, Realtrà Virtuale e Droni
Chiodi Blu alias Digital Disorder al Ian Curtis Tribute: a Cagliari il 19 maggio
#FreeGabriele: Cagliari si mobilita per la liberazione del giornalista Gabriele del Grande
Nasce a Cagliari hOMe: da un'ex fabbrica, un nuovo spazio per artisti e creativi
L'artista internazionale Franko B al Contemporary Festival di Donori
Cerdeña: una isla en movimiento en Barcelona
Open innovation al Festival Ecosistema Impresa: in-formazione, expo e networking per professionisti e imprese
Make in Nuoro: percorso formativo sulla fabbricazione digitale per le imprese del territorio
inue BOT: uno strumento gratuito per accedere ai toponimi Sardi da Telegram
La favolosa storia di Sardex: dal caminetto di nonna Elvira al round da 3 milioni in sei anni
Ex Manifattura Tabacchi: nel cuore di Cagliari un Polo dell'Innovazione
Il salto nell’iperspazio dell’economia: Nicola Pirina, nuovo direttore generale di Sardex
Il pane Carasau a lievito madre: sviluppo industriale e claim nutrizionale
Non solo coworking: nasce a Cagliari "Hub and Spoke", 600mq di idee, startup, creatività e arte
Gay Pride 2015: arricchire la biodiversità di noi, scherzi di natura
News
schermata 2016-09-22 alle 12.52.29.png

Una corazzata Potëmkin 3.0: la rete composta da Nordai, Sky Survey System, Sardinia Innovation con il supporto di Urban Center Cagliari, durante le giornate di settembre 2017, allestirà un osservatorio/medialab per osservare l'evento che rappresenta un grande percorso di valore e di sviluppo territoriale, in prossimità del Museo Nivola e animare attraverso il racconto la rete #CortesApertasOrani e #AutunnoinBarbagia.

ian curtis tribute_n.jpg

L’eco di Ian Curtis e la sua eredità artistica, a 37 anni dalla prematura morte, non smette di riverberare. Quella dei Joy Division è stata una parabola breve, un capitolo a parte nella storia del rock, uno dei gruppi più rappresentativi di quella che venne definita la “new wave”: il trapasso musicale/culturale/ideologico di fine anni ‘70. Cagliari gli renderà omaggio venerdì 19 maggio ore 20.00, alla Cueva Rock

freegabriele_n.jpg

Era il 2007 in un appartamento nel quartiere Monteverte di Roma, tre ragazzi nel pieno del loro entusiasmo vivevano assieme e sognavano di costruire un mondo migliore: Monica Mureddu, Gabriele del Grande e Rachele Masci. Quell'appartamento, trasformato in salotto letterario, colmo di librerie e testi di ogni genere, accoglieva immigrati appena sbarcati dall'Africa (Etiopia, Senegal, Niger, Iraq, Siria etc etc) che ci raccontavano, stremati, il loro lunghissimo viaggio durato anni. Ci si riuniva la domenica davanti ad una tavola imbandita e si commentava insieme lo scenario drammatico dei milioni di migranti che ogni giorno rischiano la vita attraversando i confini. 

 

di Monica Mureddu

15757_650_320_dy_a_cagliari_lex_fabbrica_diventa_una_nuova_casa_per_artisti.jpg

Con la sperimentazione partita nella seconda metà del mese di agosto, l’associazione Urban Center presenta “hOMe”, luogo di produzione della città di Cagliari in cui artisti, creativi, artigiani e designer collaborano in uno spazio di contaminazioni artistiche tese alla creazione di idee, oggetti, opere e alla nascita di nuove sinergie professionali.

franko b 004.jpg

Stasera venerdì 26 Agosto alle ore 18:30 parte il Contemporary – Festival Arte d’Avanguardia con in programma l’attesa Master Class dell’artista internazionale Franko B presso la sala conferenze dell’Ex Montegranatico, invia Vittorio Emanuele 80, Donori (Ca).

cerdena bcn.jpg
Cerdeña: una isla en movimiento en Barcelona
Published on 2016/7/19 (2502 readers)

Promesa cumplida: volvemos al papel. "Cerdeña. Una isla en movimiento" es la primera monografía en formato libro/revista que traslada al papel la filosofía editorial de los especiales 360º online de Altaïr Magazine

ecosistemaimpresa.jpg

Dopo diversi mesi di ideazione e programmazione, con il prezioso coordinamento scientifico ed organizzativo dell'associazione Urban Center, FinSardegna è lieta di annunciare che nelle date di venerdì 1 e sabato 2 luglio 2016, nei propri locali di viale Elmas 33 a Cagliari, si svolgerà la prima edizione del festival Ecosistema Impresa.

logo-nuoro_definitivo_web.png

Al via il percorso formativo dedicato alla fabbricazione digitale per le imprese, nell’ambito del Progetto Make in Nuoro realizzato dalla Camera di Commercio di Nuoro in collaborazione con l’Ailun. 28, 29, 30 giugno, dalle ore 9.00 alle 18.00. Il 1 luglio h. 12.00 appuntamento per tutti gli interessati per il taglio del nastro del nuovo Fablab, cuore tecnologico della Sardegna.