Sardinia Innovation

       Home  |  TAG  |  Events  |  Video  |  Partners
Sardinia Innovation Rss   Sardinia Innovation on Twitter   Sardinia Innovation on Facebook   Sardinia Innovation on Google Plus  
Articles > Network > SARDU: software made in Sardegna che integra in una penna Usb decine di applicazioni diverse

  View this article in PDF format Print article Send article

SARDU: software made in Sardegna che integra in una penna Usb decine di applicazioni diverse

Created on 2013/5/19 | Update 2014/8/30 | 5794 reads
SARDU: software made in Sardegna che integra in una penna Usb decine di applicazioni diverse

Negli ultimi anni c'è un crescendo di dispositivi privi di lettore DVD, dai netbook ai tablet. Sempre più tecnici informatici avvertono la necessità di dotarsi di strumenti avanzati per l'assistenza. SARDU è lo standard di fatto, a tutt'ora è il più completo e avanzato software della categoria.


Mercato dei Rescue CD
Sempre più software house, negli ultimi anni, stanno distribuendo dei CD o DVD avviabili dai quali fare la manutenzione ordinaria e straordinaria dei PC. Questi sono in grado di avviare il PC da un supporto CD esterno e di "disinfettare" un computer, testare dell'hardware, recuperare di dati, provare un sistema operativo o reinstallare Windows. Il laboratorio informatico e la valigia del tecnico sono pieni di questi strumenti.

Geeks
Sino a pochi anni fa unire questi strumenti in un unico supporto CD/DVD era alla portata solo dei cosiddetti "geeks informatici", il tutto fatto a mano e dopo innumerevoli ore di lavoro. SARDU, acronimo di Shardana Antivirus Rescue Disk Utility, è stato il primo software, nel 2009, ad automatizzare la creazione di un supporto CD/DVD o anche USB con tutti questi softwares e quindi portare questo strumento alla portata di tutti, in pochi minuti di lavoro e senza nessuna conoscenza avanzata.


Cosa è e cosa fa SARDU
SARDU quindi si occupa di creare un supporto DVD o USB con un pratico menu "multiboot" per gestire l'avvio dei singoli softwares precedentemente scaricati.

Questo menu è diviso in quattro macro categorie: 
• Antivirus
• Utility
• Linux
• Windows

Tutto l'occorrente in un unica penna USB e magari in un portachiavi senza valige zeppe di CD/DVD. Con l'avvento dei netbook e dei palmari privi di lettore DVD sempre più persone utilizzano software USB per reinstallare Windows. SARDU è stato il primo, e tuttora unico, in grado di supportare l'installazione da penna USB di tutti i Windows, in certi casi superando dei limiti fisici, tramite un modulo chiamato "barrosu". SARDU è tuttora l'unico a gestire più Windows PE (versioni Live di Windows)

Dal 2009 ad oggi, senza nessun investimento, ad esclusione dell'hosting, SARDU ha una diffusione internazionale di milioni di copie, tradotto in oltre 20 lingue viene allegato e/o presentato costantemente alle più importanti riviste informatiche mondiali. Ha un sito e un forum ufficiale in inglese, tedesco (seguito da un linguamadre) e italiano, ha una sezione dedicata nel più importante del settore (multiboot.pro). SARDU sino ad ora è distribuito con licenza Creative Commons gratuita a uso personale. Viene scaricato dal sito ufficiale da oltre mille utenti giornalieri. L'idea è di convertire una parte di essi ad una versione a pagamento (prezzo basso di 10 o 20 €) dotata di più strumenti e che gestisca più software. Il mercato oggi chiede la possibilità di avere più Windows Seven o Eight nello stesso supporto e con "barrosu" le possibilità sono infinite. E' in preparazione un'aggiunta che permette di gestire altre decine e decine di software aggiornabile via "cloud".

 

Il creatore di SARDU è Davide Costa, 47 anni, agente di commercio in vini e liquori con una grande passione per l'informatica

 

Link Box

www.sarducd.it







comments powered by Disqus

Other articles in this category
Il cielo sardo in un clic: le costellazioni sul software astronomico più usato al mondo
Veranu: la mattonella green selezionata al programma di accelerazione di Next Energy
A Nuoro inaugura IdEA: Istituto di Espressione Arbitraria per la libera formazione artistica
Mehdi Ben Cheikh: la Street Art internazionale protagonista a SmartCityness Cagliari
OMA Big Band: una grande orchestra per l’innovazione sociale nel Sulcis
Mercato del Lavoro: Componente femminile fattore trainante. 23° Rapporto CRENoS 2016 Economia Sardegna
Gli ebook di Regina Zabo: l'innovativa casa editrice digitale in Sardegna
La Sardegna un grande laboratorio di innovazione sociale: la prima regione ad istituire il Social Impact Investing
Open Data e PA: GeoNue uMaps, Le MAPPE COLLABORATIVE nei comuni
Nurnet: on line la mappa dei Nuraghi, Domus de Janas, pozzi sacri e villaggi nuragici
Startup e Startupper per la PA: GeoNue unica sarda tra le 12 migliori idee della ForumPA Call4ideas 2015
Primo Principio lancia il primo Olio Extravergine a Km 0 Virtuale e Filiera Trasparente
Vortipa: la Pasta stampata in 3D da un ingegnere cagliaritano
Clandestine Integration: due mesi in barca vela per l'integrazione nel Mediterraneo
La Fotografia di Nanni Angeli cattura la memoria rurale degli Stazzi Galluresi
News
ian curtis tribute_n.jpg

L’eco di Ian Curtis e la sua eredità artistica, a 37 anni dalla prematura morte, non smette di riverberare. Quella dei Joy Division è stata una parabola breve, un capitolo a parte nella storia del rock, uno dei gruppi più rappresentativi di quella che venne definita la “new wave”: il trapasso musicale/culturale/ideologico di fine anni ‘70. Cagliari gli renderà omaggio venerdì 19 maggio ore 20.00, alla Cueva Rock

freegabriele_n.jpg

Era il 2007 in un appartamento nel quartiere Monteverte di Roma, tre ragazzi nel pieno del loro entusiasmo vivevano assieme e sognavano di costruire un mondo migliore: Monica Mureddu, Gabriele del Grande e Rachele Masci. Quell'appartamento, trasformato in salotto letterario, colmo di librerie e testi di ogni genere, accoglieva immigrati appena sbarcati dall'Africa (Etiopia, Senegal, Niger, Iraq, Siria etc etc) che ci raccontavano, stremati, il loro lunghissimo viaggio durato anni. Ci si riuniva la domenica davanti ad una tavola imbandita e si commentava insieme lo scenario drammatico dei milioni di migranti che ogni giorno rischiano la vita attraversando i confini. 

 

di Monica Mureddu

15757_650_320_dy_a_cagliari_lex_fabbrica_diventa_una_nuova_casa_per_artisti.jpg

Con la sperimentazione partita nella seconda metà del mese di agosto, l’associazione Urban Center presenta “hOMe”, luogo di produzione della città di Cagliari in cui artisti, creativi, artigiani e designer collaborano in uno spazio di contaminazioni artistiche tese alla creazione di idee, oggetti, opere e alla nascita di nuove sinergie professionali.

franko b 004.jpg

Stasera venerdì 26 Agosto alle ore 18:30 parte il Contemporary – Festival Arte d’Avanguardia con in programma l’attesa Master Class dell’artista internazionale Franko B presso la sala conferenze dell’Ex Montegranatico, invia Vittorio Emanuele 80, Donori (Ca).

cerdena bcn.jpg
Cerdeña: una isla en movimiento en Barcelona
Published on 2016/7/19 (1175 readers)

Promesa cumplida: volvemos al papel. "Cerdeña. Una isla en movimiento" es la primera monografía en formato libro/revista que traslada al papel la filosofía editorial de los especiales 360º online de Altaïr Magazine

ecosistemaimpresa.jpg

Dopo diversi mesi di ideazione e programmazione, con il prezioso coordinamento scientifico ed organizzativo dell'associazione Urban Center, FinSardegna è lieta di annunciare che nelle date di venerdì 1 e sabato 2 luglio 2016, nei propri locali di viale Elmas 33 a Cagliari, si svolgerà la prima edizione del festival Ecosistema Impresa.

logo-nuoro_definitivo_web.png

Al via il percorso formativo dedicato alla fabbricazione digitale per le imprese, nell’ambito del Progetto Make in Nuoro realizzato dalla Camera di Commercio di Nuoro in collaborazione con l’Ailun. 28, 29, 30 giugno, dalle ore 9.00 alle 18.00. Il 1 luglio h. 12.00 appuntamento per tutti gli interessati per il taglio del nastro del nuovo Fablab, cuore tecnologico della Sardegna.

nordai.png

Cagliari, 2 maggio 2016 - La Startup Nordai regala alla Sardegna inue BOT, un BOT Telegram che, grazie alla piattaforma GeoNue, consente di avere accesso agli open data geografici ufficiali della Regione Sardegna sulla toponomastica dell’isola, grazie a un semplice messaggio sullo smartphone.