Sardinia Innovation

       Home  |  TAG  |  Events  |  Video  |  Partners
Sardinia Innovation Rss   Sardinia Innovation on Twitter   Sardinia Innovation on Facebook   Sardinia Innovation on Google Plus  
Articles > Network > La Fotografia di Nanni Angeli cattura la memoria rurale degli Stazzi Galluresi

  View this article in PDF format Print article Send article

La Fotografia di Nanni Angeli cattura la memoria rurale degli Stazzi Galluresi

Created on 2015/2/8 | Update 2015/2/12 | 4373 reads
La Fotografia di Nanni Angeli cattura la memoria rurale degli Stazzi Galluresi

"La porta a Levante" è un progetto fotografico di Nanni Angeli, che nasce con l’ambizioso obiettivo di indagare e mostrare che lo Stazzo, inteso come casa e terreni circostanti, cellula socio-economica della società rurale gallurese fino alla prima metà degli anni ‘60, costituisce ancora oggi un elemento di originalità e di interesse, pur avendo perso, in molti casi, la propria funzione originaria.


Questo progetto nasce per amore ed in maniera quasi inconsapevole, dalle prime fotografie dell’autore nel 1990. Ma una ricerca sistematica prende forma in modo organico solo tra il 2010 ed il 2011 durante una campagna fotografica mirata alla realizzazione di un corpus di immagini di elevata qualità artistica e documentaria, da destinare al Centro Regionale del Catalogo, finanziata dalla Regione Autonoma della Sardegna, a cura dell’I.S.R.E.

Durante la ricerca, nella fase di ripresa fotografica, Nanni Angeli ha percorso 12.000 km in auto (e molti a piedi), ha visitato e fotografato oltre duecento stazzi distribuiti su tutto il territorio gallurese (in oltre 20 territori comunali). Nella successiva fase di selezione ha scelto un campione di circa sessanta stazzi, presenti su un’ampia area, che comprendesse regioni marine e collinari, zone in prossimità di centri abitati o isolate, nel tentativo di ricostruire un panorama quanto più possibile esaustivo delle molteplici differenze dei contesti naturali e paesaggistici in cui sono collocati; delle differenze, minime ma esistenti, nelle strutture architettoniche e di quelle riguardanti i diversi utilizzi e destinazioni d’uso attuali di questi territori e strutture.

 

Lu Soli d’Agostina - NANNIANGELI©
Localitài Muntagna, Stazzu Sagana, casa noa - Cumunu di Tempiu Fendi lu casgiu, ambarendi chi scaldia l’ea pa manigghjà e dà’ folma a li “buttoni” di la dì innanzi. (Facendo il formaggio, in attesa che l’acqua si scaldi per poter dare forma al formaggio del giorno prima)

      

La Familia #2 - NANNIANGELI©
Localitài Li Capruleddi, Campu Rutundu – Cumunu di Stazzu Lu Furraccu. Ritrattu di Familia ‘nantu a la strada (lu pusatogghju) di granittu fora di casa (Stazzu Lu Furraccu. Ritratto di Famiglia sulla panca di granito all’esterno della casa)

 

Il risultato è stato quello di dare vita ad un racconto per immagini delle condizioni in cui versa oggi l’agro gallurese, dell’umanità che quotidianamente ci lavora e ci abita o semplicemente lo frequenta e ne possiede delle porzioni che destina esclusivamente a dimora non abituale o a “casa di villeggiatura”. Un’analisi su come e quanto la globalizzazione abbia “contaminato” il paesaggio, l’architettura, l’economia e la socialità della Gallura: zona della Sardegna con le coste più antropizzate ed “invase” dell’isola, e come tuttavia la medesima zona presenti elementi tradizionali, resistenziali, a volte museificati ed eventualmente ricontestualizzati a cui è stata data nuova vitalità.

Ritengo che fotografare oggi questo contesto significhi congelare lo status quo, cercando i segni residuali di un passato prossimo quasi impercettibile ma presente, i brandelli di una memoria viva, forse ancora per poco; significhi indagare questi segni di residualità ma contemporaneamente mettere a fuoco le direttive di probabili sviluppi futuri di queste comunità e di questi luoghi. É un tentativo di appagare la sete di memorie vicine ma in estinzione, attualità deboli e in rapido cambiamento e di comprendere un futuro molto prossimo" - racconta Nanni Angeli.

 “La Janna”, porta d’ingresso dello stazzo, sempre ubicata sulla parete al riparo dai venti dominanti, rivolta tra est e sud…è ancora aperta! In attesa della circuitazione della mostra è possibile “visitare” il lavoro sul sito web www.nanniangeli.it realizzato con il contributo della Provincia di Olbia-Tempio e delle Associazioni Sarditudine e Ogros.

La “Trai Tolta” - NANNIANGELI©
Localitài Sangainu - Cumunu di lu Palau
Stazzu Faulagghju. Lu di drentu di li casi: Trai tolta (cimbrana fa da capriata), trai e traiceddi di nibbaru e l’incannicciatu di la cupaltura (Stazzu Faulagghju. Interno di stazzo abbandonato. Trave portante di legno, ed il tetto in canne e ginepro ancora intatto)

      

Niuloni - NANNIANGELI©
Masconi, Pittorra - Cumuni di Lungoni di lu Palau.
Vista  di la bassura di la ‘addi di Liscia; Barrabisa (frazione di lu Palau), Polto Puddu, Spargi, Corcelli, La Maddalena
(Panorama della bassa valle del Liscia. Barrabisa (frazione di Palau), Porto Puddu, Spargi, Corcelli, La Maddalena)


TESTO IN GALLURESE

La ‘janna a lianti”. Passoni, casi e trasti di li stazzi illa Gaddura di chisti tempi.

È un prugghjettu fotograficu chi nasci culla mira inganita di indalgà e mustrà a l’alti, chi la struttura di lu Stazzu (e saria a di: li casi e li so’ tarreni) è una entitai soziali/eccunomica di la sozietai di la campagna Gadduresa; e chistu finza a’ la primma mitai di lu 1960. Ma è cosa cumpresa parò chi ancora ogghj in dì resta un elementu di originalitai e interessanti ancora siddu li più hani paldutu la funzioni pa la cali erani stati fatti. Chistu prugghjettu nasci pa “zelu” e guasi alla scuntiviciata, da li primmi fotografii di l’autori i’lu 1990. Ma una cilca sistematica pidda folma in modu olganicu solo tra lu 2010 e lu 2011 cun un trabaddu a miria pa haè un “corpus immagini” di manna galitai artistica e documentaria, fattu pa lu Centru Regionali di lu Catalogo finanziatu dalla Regione Autònoma de Sardigna e pultatu a dananzi dall’I.S.R.E.

Illu cilcà, candu si so’ fatti li fotogafii, Nanni Angeli ha scurritu 12.000 km in ottomobbili (e umbè a pedi), si so ‘isitati e fottografati più di duicentu Stazzi di tutta la Gaddura. In un sigundu mumentu, dapoi, si so sciuarati guasi sessanta Stazzi (a più di 20 cumuni e i’li so’ lochi), a ghjettu tra iddi e in cussoghj diessi: da li marini a chissi posti ill’alturi; alti ill’azza di li paesi e alti ancora in cussoghj isulati. Chistu pa cilcà di punì a paru una “ista” cumprita cun tutti li diffarenzi di li lochi undi so stati collocati. Diffarenzi chi no so abbeddu ma chi si notani illa posta a paru di li casi, ill’architettura, e più di tuttu illi variazioni a sigundu di l’usu diessu chi ogghj sinni faci.

 


Uddastru e Cupi - NANNIANGELI©
Localitài Balaiana - Cumunu di Locusantu.
Stazzu La Casa. Bibbenna di tradizioni, li cupi (Stazzu La Casa. Vendemmia tradizionale, le botti)

A la fini s’è postu a paru un contu, pa magghjni, chi fiùra la campagna e li cussoghj gadduresi; l’umanitai chi ancora ogghj vi trabadda e vi staci. O puru li chi n’hani una calche pulzioni e vi passani; o chiddhi ancora chi s’hani acconciu li casi pa vinèssinni a istragnà. S’è indalgatu innantu a cantu e comu la “globalizzazioni” agghja variatu la ista di li lochi. Lu sestu archtettonicu di li casi, l’economia e la socialitai di la Gaddura; e ghjà si sa chi di la Saldigna, è la palti undi è accudita più ghjenti di fora. Eppuru manteni ancora e risisti cun umbè d’elementi di la tradizioni; maccari a volti un pocu “museificati” o turrati a punì a paru ma chi, in dugna manera, hani turratu a haè una noa vitalitai.

Eu pensu chi fotografà ogghj chistu cuntestu vo dì cugnilà lu “status quo” cilchendi li signi chi avvanzani da un passatu di pocu tempu chi guasi no s’avvelti ma chi c’è eccomu ! Vo di’ punì a paru li pezzi d’un cunnottu ‘iu; fossi pa pocu ancora. Vo dì indalgà chisti pochi signi ch’avvanzani ma illu matessi tempu scarragghjà ignitti un pocu dubicosi, innantu a li cali, podarà smannassi lu ‘enidori di chisti comunitai e di chisti cussoghj. E comu tintà di bucanni la siti di cunnotti e mimorii chi so accultu umbè ma chi ci so capulendi; attualitai debbuli chi cambigghjani dì pa dì e di cumprindì chistu ‘enidori ch’è ghjà alla ‘janna" - dici Nanni Angeli.

La ‘janna” di lu stazzu, chi nascia sempri i lu fronti di la casa postu a occhj a soli, tra lianti e mezzudì, pa esse’cussì galdata da li ‘enti folti di punenti e maistrali…è ancora abbalta! I’ lu ambarà di punì a ghjru la mostra (priista pa lu 2015) si pò “’isità” lu trabaddu nantu a lu situ web www.nanniangeli.it postu a paru cu lu contributu di la Provincia di Olbia-Tempio e di l’ Associazioni Sarditudine e Ogros.

 

Link Box
www.nanniangeli.it







comments powered by Disqus

Other articles in this category
Il cielo sardo in un clic: le costellazioni sul software astronomico più usato al mondo
Veranu: la mattonella green selezionata al programma di accelerazione di Next Energy
A Nuoro inaugura IdEA: Istituto di Espressione Arbitraria per la libera formazione artistica
Mehdi Ben Cheikh: la Street Art internazionale protagonista a SmartCityness Cagliari
OMA Big Band: una grande orchestra per l’innovazione sociale nel Sulcis
Mercato del Lavoro: Componente femminile fattore trainante. 23° Rapporto CRENoS 2016 Economia Sardegna
Gli ebook di Regina Zabo: l'innovativa casa editrice digitale in Sardegna
La Sardegna un grande laboratorio di innovazione sociale: la prima regione ad istituire il Social Impact Investing
Open Data e PA: GeoNue uMaps, Le MAPPE COLLABORATIVE nei comuni
Nurnet: on line la mappa dei Nuraghi, Domus de Janas, pozzi sacri e villaggi nuragici
Startup e Startupper per la PA: GeoNue unica sarda tra le 12 migliori idee della ForumPA Call4ideas 2015
Primo Principio lancia il primo Olio Extravergine a Km 0 Virtuale e Filiera Trasparente
Vortipa: la Pasta stampata in 3D da un ingegnere cagliaritano
Clandestine Integration: due mesi in barca vela per l'integrazione nel Mediterraneo
La Fotografia di Nanni Angeli cattura la memoria rurale degli Stazzi Galluresi
News
ian curtis tribute_n.jpg

L’eco di Ian Curtis e la sua eredità artistica, a 37 anni dalla prematura morte, non smette di riverberare. Quella dei Joy Division è stata una parabola breve, un capitolo a parte nella storia del rock, uno dei gruppi più rappresentativi di quella che venne definita la “new wave”: il trapasso musicale/culturale/ideologico di fine anni ‘70. Cagliari gli renderà omaggio venerdì 19 maggio ore 20.00, alla Cueva Rock

freegabriele_n.jpg

Era il 2007 in un appartamento nel quartiere Monteverte di Roma, tre ragazzi nel pieno del loro entusiasmo vivevano assieme e sognavano di costruire un mondo migliore: Monica Mureddu, Gabriele del Grande e Rachele Masci. Quell'appartamento, trasformato in salotto letterario, colmo di librerie e testi di ogni genere, accoglieva immigrati appena sbarcati dall'Africa (Etiopia, Senegal, Niger, Iraq, Siria etc etc) che ci raccontavano, stremati, il loro lunghissimo viaggio durato anni. Ci si riuniva la domenica davanti ad una tavola imbandita e si commentava insieme lo scenario drammatico dei milioni di migranti che ogni giorno rischiano la vita attraversando i confini. 

 

di Monica Mureddu

15757_650_320_dy_a_cagliari_lex_fabbrica_diventa_una_nuova_casa_per_artisti.jpg

Con la sperimentazione partita nella seconda metà del mese di agosto, l’associazione Urban Center presenta “hOMe”, luogo di produzione della città di Cagliari in cui artisti, creativi, artigiani e designer collaborano in uno spazio di contaminazioni artistiche tese alla creazione di idee, oggetti, opere e alla nascita di nuove sinergie professionali.

franko b 004.jpg

Stasera venerdì 26 Agosto alle ore 18:30 parte il Contemporary – Festival Arte d’Avanguardia con in programma l’attesa Master Class dell’artista internazionale Franko B presso la sala conferenze dell’Ex Montegranatico, invia Vittorio Emanuele 80, Donori (Ca).

cerdena bcn.jpg
Cerdeña: una isla en movimiento en Barcelona
Published on 2016/7/19 (1175 readers)

Promesa cumplida: volvemos al papel. "Cerdeña. Una isla en movimiento" es la primera monografía en formato libro/revista que traslada al papel la filosofía editorial de los especiales 360º online de Altaïr Magazine

ecosistemaimpresa.jpg

Dopo diversi mesi di ideazione e programmazione, con il prezioso coordinamento scientifico ed organizzativo dell'associazione Urban Center, FinSardegna è lieta di annunciare che nelle date di venerdì 1 e sabato 2 luglio 2016, nei propri locali di viale Elmas 33 a Cagliari, si svolgerà la prima edizione del festival Ecosistema Impresa.

logo-nuoro_definitivo_web.png

Al via il percorso formativo dedicato alla fabbricazione digitale per le imprese, nell’ambito del Progetto Make in Nuoro realizzato dalla Camera di Commercio di Nuoro in collaborazione con l’Ailun. 28, 29, 30 giugno, dalle ore 9.00 alle 18.00. Il 1 luglio h. 12.00 appuntamento per tutti gli interessati per il taglio del nastro del nuovo Fablab, cuore tecnologico della Sardegna.

nordai.png

Cagliari, 2 maggio 2016 - La Startup Nordai regala alla Sardegna inue BOT, un BOT Telegram che, grazie alla piattaforma GeoNue, consente di avere accesso agli open data geografici ufficiali della Regione Sardegna sulla toponomastica dell’isola, grazie a un semplice messaggio sullo smartphone.