Sardinia Innovation

       Home  |  TAG  |  Events  |  Video  |  Partners
Sardinia Innovation Rss   Sardinia Innovation on Twitter   Sardinia Innovation on Facebook   Sardinia Innovation on Google Plus  
Articles > Updates > Startup Innovative: Cagliari nella “top ten” delle province italiane

  View this article in PDF format Print article Send article

Startup Innovative: Cagliari nella “top ten” delle province italiane

Created on 2015/2/22 | Update 2015/2/25 | 1904 reads
Startup Innovative: Cagliari nella “top ten” delle province italiane

La provincia di Cagliari si classifica nella “top ten” delle province italiane per presenza di startup innovative. A gennaio 2015 le aziende che fanno dello sviluppo, della produzione e della commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico il loro business erano ben 72.


Il territorio cagliaritano è comunque un’isola felice perché complessivamente in tutto il territorio regionale sono state registrate solo 99 startup innovative. Lo rende noto la CNA Sardegna commentando i dati ufficiali della sezione speciale del Registro delle imprese delle Camere di commercio e una specifica indagine promossa su questo settore da Unioncamere e Ministero del Lavoro nell’ambito del Sistema Informativo Excelsior. Secondo i dati resi noti da Unionecamere il trainante settore dell’innovazione tecnologica sta procedendo a grandi passi in tutta la penisola con il Mezzogiorno e il Centro Italia che addirittura stanno marciando più veloci del Nord. Alla fine di gennaio 2015 le startup innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle imprese erano, come detto, oltre 3.200. Nel 2013 sfioravano le 1.300 unità mentre nel 2014 hanno registrato un ulteriore boom con l’apertura di ben 1.829 imprese.

 

CITTÀSTARTUP INNOVATIVE%
Milano47014,7%
Roma2708,4%
Torino1745,4%
Trento963,0%
Napoli963,0%
Bologna922,9%
Modena852,6%
Firenze792,5%
Padova722,2%
Cagliari722,2%

 

Le startup in Sardegna

Quanto alla dislocazione sul territorio italiano, il maggior numero di startup innovative è ancora ospitato nel Nord Ovest (in particolare la Lombardia e Milano). Segue il Nord Est con le buone performance dell’Emilia Romagna e, a livello provinciale, di Trento. Come detto è però in crescita esponenziale il contributo fornito dal Mezzogiorno, di poco inferiore a quello del Nord Est, e quello del centro Italia. In Sardegna le startup innovative attive alla fine di gennaio 2015 sono 99, pari al 3,1% delle startup italiane. Come detto Cagliari rientra nella top ten delle province che registrano le migliori performance classificandosi al decimo posto con il 2,2% delle startup nazionali (72) a pari merito con Padova. Milano è la provincia più innovativa con 470 giovani aziende che rappresentano il 14,7% di tutte le startup innovative italiane.  

 

L’identikit

Quanto all’identikit fornito dallo studio Unioncamere, le startup innovative sono aziende per lo più italiane e molto motivate. Hanno voglia di crescere, di investire sul futuro e, nel corso del 2015, hanno anche intenzione di accrescere il proprio personale. Peccato che cerchino professionalità altamente qualificate, prevalentemente con formazione ingegneristica e scientifica, che nella maggior parte dei casi non riescono a trovare in Sardegna. Le startup innovative – si legge nell’analisi dell’Unioncamere – sono giovani, dinamiche e ipertecnologiche, ma pagano il prezzo di una burocrazia asfissiante e di una notevole difficoltà di accesso al credito. Per oltre tre quarti queste aziende si occupano di servizi, poco più del 18% di industria e il 4% di commercio. Tra le startup del settore manifatturiero la prevalenza va all’ICT (aziende che sviluppano la parte hardware e altre tecnologie di base), mentre – nonostante gli incentivi governativi - non decollano l’energia (12%) e il sociale (3%). Sono attive principalmente sul mercato internazionale (un terzo del totale nel caso delle startup manifatturiere) e il 34% su tutto il territorio nazionale. La quota delle start up che si muovono soprattutto sul mercato “di prossimità” (provinciale o regionale) è  del 30%.

 

L’accesso al credito

Tra le maggiori criticità riscontrate dallo studio c’è la grande difficoltà per le startup innovative di reperire il denaro necessario per continuare a lavorare, di accedere al credito e di avere a che fare con complicate procedure amministrative. D’altronde non si tratta di iniziative imprenditoriali che hanno bisogno di grandi capitali per partire. La maggior parte ha infatti iniziato con un finanziamento di non più di 50mila euro e guadagni modesti: nel 2014 il 40% delle startup italiane ha fatturato 25mila euro, il 15% 26-50mila euro e un ulteriore 25% tra i 51 e i 250mila euro. Superata la fase di avvio, quasi la metà delle aziende tecnologiche preferisce avvalersi di risorse proprie  per continuare l’attività, circa un terzo confida nei finanziamenti pubblici, il 27% nell’ingresso nel proprio capitale di business angel o società di venture capital. Un altro 26% punta sui prestiti bancari, il 24% è pronto ad aprire l’impresa a nuovi soci e solo il 14%  prova a farsi finanziare da altre “persone” attraverso un sistema di crowdfounding.

 

L’analisi

«Le startup rappresentano un importante elemento di innovazione e possiedono un significativo potenziale occupazionale», commentano Pierpaolo Piras e Francesco Porcu, rispettivamente presidente e segretario regionale della Cna Sardegna. «Per essere pienamente sfruttato questo potenziale ha però bisogno di un accesso più diretto ed efficace alle leve finanziarie (pubbliche e private) necessarie per consentire il salto di qualità e la loro stabilizzazione sul mercato. Per favorire le giovani imprese e permetterne lo sviluppo in tutto il territorio sardo – proseguono Piras e Porcu -bisogna semplificare anche in Sardegna le procedure amministrative, ridurre il carico fiscale e favorire l’accesso al credito. Vanno in questa direzione la cancellazione dell’Irap per 5 anni e l’accordo Regione/Sfirs/Banco di Sardegna rivolto anche alle startup e finalizzato al sostegno delle attività innovative con l’assistenza del Fondo regionale di garanzia che prevede la concessione di un’anticipazione da parte del Banco di Sardegna fino all’80% dell’incentivo pubblico stanziato da Sardegna Ricerche per una somma massima di 50.000 euro».

 

Fonte CNA

Foto ©Blue Jean Images/Corbis







comments powered by Disqus

Other articles in this category
Dopo 7 mesi di lavorazione esce 7: il primo album dei Chiodi Blu. Fabrik 16 marzo
Millimetroemezzo Tour: Intervista a Valentina Loche, attrice educatrice guerriera
Nuoro finalista Capitale della Cultura 2020
Il bene torna comune: il nuovo bando di Fondazione con il Sud per la Sardegna
Asinara: luci e ombre del fotografo Marco Delogu in mostra a Cagliari
Al Teatro Eliseo Nuoro in scena a marzo i veleni del poligono di Quirra
Resto al Sud: incentivi per imprenditori under 35
Graziano Origa: la Punk Art da Milano a New York
Sardex.net: la moneta complementare locale del nuovo millennio
Mostra BAM - Ritratti Riletti: a Gavoi i padri della letteratura sarda in chiave pop art
La Donna dell’anno: una sarda sul podio del premio internazionale
Innovare: il territorio azionista di se stesso. A Macomer la II edizione
Geografia, poesia e piccole realtà paesane: Franco Arminio in Sardegna
Franco Piersanti e Nicola Piovani a Cagliari: la parola a chi scrive Musica per il Cinema
A Cagliari nasce la MasterClass Sergio Miceli: Omaggio al grande studioso di Musica per Cinema
News
schermata 2016-09-22 alle 12.52.29.png

Una corazzata Potëmkin 3.0: la rete composta da Nordai, Sky Survey System, Sardinia Innovation con il supporto di Urban Center Cagliari, durante le giornate di settembre 2017, allestirà un osservatorio/medialab per osservare l'evento che rappresenta un grande percorso di valore e di sviluppo territoriale, in prossimità del Museo Nivola e animare attraverso il racconto la rete #CortesApertasOrani e #AutunnoinBarbagia.

ian curtis tribute_n.jpg

L’eco di Ian Curtis e la sua eredità artistica, a 37 anni dalla prematura morte, non smette di riverberare. Quella dei Joy Division è stata una parabola breve, un capitolo a parte nella storia del rock, uno dei gruppi più rappresentativi di quella che venne definita la “new wave”: il trapasso musicale/culturale/ideologico di fine anni ‘70. Cagliari gli renderà omaggio venerdì 19 maggio ore 20.00, alla Cueva Rock

freegabriele_n.jpg

Era il 2007 in un appartamento nel quartiere Monteverte di Roma, tre ragazzi nel pieno del loro entusiasmo vivevano assieme e sognavano di costruire un mondo migliore: Monica Mureddu, Gabriele del Grande e Rachele Masci. Quell'appartamento, trasformato in salotto letterario, colmo di librerie e testi di ogni genere, accoglieva immigrati appena sbarcati dall'Africa (Etiopia, Senegal, Niger, Iraq, Siria etc etc) che ci raccontavano, stremati, il loro lunghissimo viaggio durato anni. Ci si riuniva la domenica davanti ad una tavola imbandita e si commentava insieme lo scenario drammatico dei milioni di migranti che ogni giorno rischiano la vita attraversando i confini. 

 

di Monica Mureddu

15757_650_320_dy_a_cagliari_lex_fabbrica_diventa_una_nuova_casa_per_artisti.jpg

Con la sperimentazione partita nella seconda metà del mese di agosto, l’associazione Urban Center presenta “hOMe”, luogo di produzione della città di Cagliari in cui artisti, creativi, artigiani e designer collaborano in uno spazio di contaminazioni artistiche tese alla creazione di idee, oggetti, opere e alla nascita di nuove sinergie professionali.

franko b 004.jpg

Stasera venerdì 26 Agosto alle ore 18:30 parte il Contemporary – Festival Arte d’Avanguardia con in programma l’attesa Master Class dell’artista internazionale Franko B presso la sala conferenze dell’Ex Montegranatico, invia Vittorio Emanuele 80, Donori (Ca).

cerdena bcn.jpg
Cerdeña: una isla en movimiento en Barcelona
Published on 2016/7/19 (2502 readers)

Promesa cumplida: volvemos al papel. "Cerdeña. Una isla en movimiento" es la primera monografía en formato libro/revista que traslada al papel la filosofía editorial de los especiales 360º online de Altaïr Magazine

ecosistemaimpresa.jpg

Dopo diversi mesi di ideazione e programmazione, con il prezioso coordinamento scientifico ed organizzativo dell'associazione Urban Center, FinSardegna è lieta di annunciare che nelle date di venerdì 1 e sabato 2 luglio 2016, nei propri locali di viale Elmas 33 a Cagliari, si svolgerà la prima edizione del festival Ecosistema Impresa.

logo-nuoro_definitivo_web.png

Al via il percorso formativo dedicato alla fabbricazione digitale per le imprese, nell’ambito del Progetto Make in Nuoro realizzato dalla Camera di Commercio di Nuoro in collaborazione con l’Ailun. 28, 29, 30 giugno, dalle ore 9.00 alle 18.00. Il 1 luglio h. 12.00 appuntamento per tutti gli interessati per il taglio del nastro del nuovo Fablab, cuore tecnologico della Sardegna.