Sardinia Innovation

       Home  |  TAG  |  Events  |  Video  |  Partners
Sardinia Innovation Rss   Sardinia Innovation on Twitter   Sardinia Innovation on Facebook   Sardinia Innovation on Google Plus  
Articles > Focus > inue BOT: uno strumento gratuito per accedere ai toponimi Sardi da Telegram

  View this article in PDF format Print article Send article

inue BOT: uno strumento gratuito per accedere ai toponimi Sardi da Telegram

Created on 2016/5/6 | Update 2016/5/6 | 1912 reads
inue BOT: uno strumento gratuito per accedere ai toponimi Sardi da Telegram

Cagliari, 2 maggio 2016 - La Startup Nordai regala alla Sardegna inue BOT, un BOT Telegram che, grazie alla piattaforma GeoNue, consente di avere accesso agli open data geografici ufficiali della Regione Sardegna sulla toponomastica dell’isola, grazie a un semplice messaggio sullo smartphone.


Per l’occasione anche #LaMappaDelLunedì è dedicata a inue BOT. Infatti nella mappa interattiva resa disponibile oggi sono visibili sia lo strato informativo regionale sia le interrogazioni degli utenti. A breve Nordai lancerà un BOT che consentirà, alle Pubbliche Amministrazioni che adottano GeoNue, la gestione di segnalazioni su urbanistica, trasporti, cultura, turismo e ambiente nel proprio comune. Il team ha deciso, prima del lancio, di far conoscere i BOT a cittadini e amministratori, iniziando con gli OpenData della Regione Autonoma della Sardegna (RAS), riusando quelli relativi alla toponomastica, rendendoli poi disponibili tramite la chat di Telegram.

 



Telegram è una delle applicazioni di chat con la crescita più rapida in questo momento. Uno dei motivi per cui questa applicazione è così apprezzata sono sicuramente i BOT, che permettono all’utente di utilizzare servizi particolari all’interno delle proprie chat.

Ma cosa sono i BOT di Telegram? Sono utenti virtuali della chat, interagiscono con gli utenti attraverso messaggi preimpostati, decisi dal creatore del BOT, e consentono di ricevere delle risposte a quei quesiti.

Come funziona inue BOT?
E’ molto semplice, una volta avviata la chat con inue BOT è sufficiente cliccare su [Invia posizione] dall’icona a forma di graffetta e aspettare una decina di secondi. La risposta di inue BOT chat indicherà il comune con il nome in sardo, la regione storica e l’elenco dei toponimi presenti nella zona. Tutte le richieste possono essere visualizzate su una mappa interattiva che vedete sopra questo articolo. Tramite il BOT è possibile impostare anche il raggio di ricerca.

Ufficio Stampa Nordai
telefono: 070.7732300
email: press@nordai.it

-- -- -- -- -- -- --

Nordai è una startup fondata nel 2013, vincitrice nel 2014 di un bando europeo promosso da Sardegna Ricerche. La società ha sviluppato il servizio GeoNue, una piattaforma web, basata esclusivamente su tecnologie Open Source e Cloud Computing, che consente di avere a disposizione tutte le funzionalità di un servizio informativo territoriale avanzato (GIS) a supporto della gestione e pianificazione territoriale. La piattaforma consente inoltre di gestire mappe collaborative, grazie alle quali la PA può coinvolgere i cittadini e valorizzarne i contributi nella gestione della cosa pubblica. La mission di Nordai è creare servizi semplici e innovativi, rendendo le migliori tecnologie accessibili anche ai Comuni piccoli e medi, eliminando il digital divide “dimensionale” che vede l’aggettivo “Smart” sempre affiancato a “City”. GeoNue è stato indicato come best practice dal Repertorio Nazionale Dati Territoriali RNDT, dell’AGID. Nordai pubblica ogni settimana attraverso i suoi canali social #LaMappaDelLunedì: una iniziativa pro-bono per la quale un dataset rilasciato su web come opendata è riusato ed esposto su una mappa intuitiva a beneficio della collettività, oppure se un dataset utile non esiste, Nordai lo crea di propria iniziativa e lo rilascia come opengeodata.

 

 

 

www.geonue.com
Twitter: @nordai_it

Facebook: @nuragicinnovation







comments powered by Disqus

Other articles in this category
Nasce a Cagliari hOMe: da un'ex fabbrica, un nuovo spazio per artisti e creativi
Open innovation al Festival Ecosistema Impresa: in-formazione, expo e networking per professionisti e imprese
Make in Nuoro: percorso formativo sulla fabbricazione digitale per le imprese del territorio
inue BOT: uno strumento gratuito per accedere ai toponimi Sardi da Telegram
La favolosa storia di Sardex: dal caminetto di nonna Elvira al round da 3 milioni in sei anni
Ex Manifattura Tabacchi: nel cuore di Cagliari un Polo dell'Innovazione
Il salto nell’iperspazio dell’economia: Nicola Pirina, nuovo direttore generale di Sardex
Il pane Carasau a lievito madre: sviluppo industriale e claim nutrizionale
Non solo coworking: nasce a Cagliari "Hub and Spoke", 600mq di idee, startup, creatività e arte
Gay Pride 2015: arricchire la biodiversità di noi, scherzi di natura
Economia della Sardegna 2015: 22° Rapporto CRENoS
Innovazioni scientifiche e tecnologiche nella gestione dei rifiuti: ad ottobre il XV Simposio Internazionale
Radici, innovazione e accessibilità: il nuovo sito del Museo Nivola
Horizon2020 WIPRIZE: Premio Europeo Donne Innovatrici 2016
Campionessa mondiale di innovazione: il Quirinale premia Daniela Ducato
News
15757_650_320_dy_a_cagliari_lex_fabbrica_diventa_una_nuova_casa_per_artisti.jpg

Con la sperimentazione partita nella seconda metà del mese di agosto, l’associazione Urban Center presenta “hOMe”, luogo di produzione della città di Cagliari in cui artisti, creativi, artigiani e designer collaborano in uno spazio di contaminazioni artistiche tese alla creazione di idee, oggetti, opere e alla nascita di nuove sinergie professionali.

ecosistemaimpresa.jpg

Dopo diversi mesi di ideazione e programmazione, con il prezioso coordinamento scientifico ed organizzativo dell'associazione Urban Center, FinSardegna è lieta di annunciare che nelle date di venerdì 1 e sabato 2 luglio 2016, nei propri locali di viale Elmas 33 a Cagliari, si svolgerà la prima edizione del festival Ecosistema Impresa.

logo-nuoro_definitivo_web.png

Al via il percorso formativo dedicato alla fabbricazione digitale per le imprese, nell’ambito del Progetto Make in Nuoro realizzato dalla Camera di Commercio di Nuoro in collaborazione con l’Ailun. 28, 29, 30 giugno, dalle ore 9.00 alle 18.00. Il 1 luglio h. 12.00 appuntamento per tutti gli interessati per il taglio del nastro del nuovo Fablab, cuore tecnologico della Sardegna.

sardex.jpg

Rilanciamo da CheFuturo l'articolo scritto da Nicola Pirina, direttore generale di Sardex: La favolosa storia di Sardex, dal caminetto di nonna Elvira al round da 3 milioni in sei anni.

manifattura_combo_pp.jpg

L'Ex Manifattura Tabacchi è destinata a diventare un polo di innovazione che ospiterà start up e open innovation. Per i prossimi tre anni la gestione è affidata a Sardegna Ricerche. Approvato nei giorno scorsi il nuovo progetto della Giunta regionale, presieduta dal presidente Pigliaru, sull'Ex Manifattura Tabacchi di Cagliari.

pirina.jpg

Quella risalita sul Monte Gonare di fine settembre, un po' sacrificata alla nostra mezza età, ha sicuramente portato i suoi buoni frutti e fatto piacere a Nostra Signora, che, come ti avevo preannunciato, ci ha mandato dai cieli divini un po' della sua grazia. E ora che sei diventato il nuovo direttore generale di Sardex.net, caro Nicola Pirina, tocca veramente rimboccarsi le maniche per navigare, temerari e determinati, nell'iperspazio dell'economia sarda. Rilanciamo di seguito da CheFuturo! il racconto di Nicola Pirina su questa nuova avventura, augurando a lui, a Sardex e a tutta la Sardegna un grandioso ed entusiasmante 2016!

pane carasau.jpg

Il pane carasau, oltre che essere uno dei pani più fragranti del mondo, è uno dei più antichi e permette una conservazione a lungo termine. In Barbagia, dove sono cresciuta, le donne si riuniscono un'intera giornata per la preparazione del pane carasau - che soddisferà la necessità di pane della famiglia per tre mesi. Durante la mia adolescenza, dalle mani preziose e operose delle donne, ho appreso a "Tendere", "Cocchere", "Carasare" e "Assare". Utilizziamo ancora i "panni di massaria" di mia nonna, con i quali conserviamo da secoli il nostro pane preparato con lievito madre.  di Monica Mureddu