Sardinia Innovation

       Home  |  TAG  |  Events  |  Video  |  Partners
Sardinia Innovation Rss   Sardinia Innovation on Twitter   Sardinia Innovation on Facebook   Sardinia Innovation on Google Plus  
Articles > Updates > Franco Piersanti e Nicola Piovani a Cagliari: la parola a chi scrive Musica per il Cinema

  View this article in PDF format Print article Send article

Franco Piersanti e Nicola Piovani a Cagliari: la parola a chi scrive Musica per il Cinema

Created on 2016/12/15 | Update 2016/12/15 | 1450 reads
Franco Piersanti e Nicola Piovani a Cagliari: la parola a chi scrive Musica per il Cinema

Creuza de Mà - Musica per cinema e CeDAC, in collaborazione con la Fondazione di Sardegna, presentano La parola a chi scrive Musica per il Cinema, Nicola Piovani dialoga con Franco Piersanti, sul comporre musica per il cinema: l'ispirazione e l'artigianato al servizio della settima arte. Interviene il regista Gianfranco Cabiddu, coordina Riccardo Giagni, venerdì 16 dicembre alle ore 17.30 - nella Sala Conferenze della Fondazione di Sardegna in via San Salvatore da Horta a Cagliari.

 



L’incontro tra due compositori che dagli anni ‘70 ad oggi hanno contribuito a disegnare la musica per cinema. Nicola Piovani, vincitore dell’Oscar per “La vita è bella” di Roberto Benigni e autore delle musiche per i film di Federico Fellini, Paolo e Vittorio Taviani, Marco Bellocchio, Nanni Moretti, Giuseppe Bertolucci e tanti altri autori, e Franco Piersanti, autore delle musiche per i film di Nanni Moretti, Gianni Amelio, Bernardo Bertolucci, Ermanno Olmi, Daniele Luchetti, Marco Tullio Giordana. Due caratteri diversi, che spesso si sono avvicendati con gli stessi registi, lasciando il segno.

L'evento fa parte del X Festival Creuza de Mà/ Musica per Cinema, apre il ciclo di appuntamenti "Oltre la Scena" de La Grande Prosa del CeDAC e si inserisce nel programma dei Pomeriggi della Fondazione promossi dalla Fondazione di Sardegna.
    
INGRESSO LIBERO * fino a esaurimento posti


I PROTAGONISTI

 

Nicola Piovani è pianista, direttore d’orchestra, compositore di musica per il cinema e il teatro, di canzoni, di musica da camera e sinfonica. Il suo Maestro è il greco Manos Hadjidakis. Collabora con Bellocchio, Monicelli, i Taviani, Moretti, Loy, Tornatore, Benigni e Federico Fellini. Fra i registi stranieri ricordiamo Ben Von Verbong, Pál Gábor, Dusan Makavejev, Bigas Luna, Jos Stelling, John Irvin, Sergej Bodrov, Éric-Emmanuel Schmitt, Philippe Lioret, Luis Sepulveda, Danièle Thompson, Xavier Durringer. Con la colonna sonora de “La vita è bella” di Roberto Benigni vince il premio Oscar. Riceve David di Donatello, 4 premi Colonna Sonora, 3 Nastri d’argento, 2 Ciak d’oro, il Globo d’Oro della stampa estera e il Premio Elsa Morante. In Francia ottiene per 2 volte la nomination al César, il premio del pubblico e la menzione speciale della giuria al festival Musique et Cinéma d’Auxerre. Compone con Fabrizio De André gli album “Non al denaro, non all’amore né al cielo” e “Storia di un impiegato”. Nel 1995 scrive 3 canzoni per Benigni, tra cui “Quanto t’ho amato”. Per il teatro scrive musiche di scena per gli allestimenti di Carlo Cecchi, Luca De Filippo, Maurizio Scaparro e Vittorio Gassman. Nel 2013 esce il suo primo disco “Cantabile”, con De Gregori, Servillo, Giorgia, Grigolo, Ferreri, Mannoia, Proietti, Benigni, Jovanotti, Noa, Morandi, Benigni e con la partecipazione dei Solisti della Scala di Milano. Nicola Piovani nel 2008 è stato nominato Chevalier dans l’ordre des Arts et des Lettres dal Ministro francese della Cultura.

 

 

Franco Piersanti la solennità dell’ouverture di “Habemus Papam”, il tango de ”Il commissario Montalbano”, la ninna nanna mediterranea de ”Il ladro di bambini” sono solo alcune delle musiche con cui Franco Piersanti ha contribuito a creare negli ultimi trent’anni l’immaginario del cinema italiano, diventandone uno dei protagonisti più importanti. Diplomato in contrabbasso al Conservatorio Santa Cecilia di Roma, ha studiato composizione e direzione d’orchestra per esordire poi nel cinema con Nanni Moretti. Piersanti ha lavorato coi maggiori registi italiani, da Olmi ad Amelio a Bertolucci fino a Luchetti, Calopresti e Cabiddu, vincendo tre David di Donatello. Il suo è uno stile unico, dalla scrittura complessa e discreta, radicato nel Novecento ma senza rinunciare alla melodia. Le sue colonne sonore non si impongono all’ascolto, ma immergono lo spettatore nel mondo dei personaggi, nelle loro emozioni nascoste.

 

Gianfranco Cabiddu regista e sceneggiatore italiano i cui pochi ma significativi titoli splendono come una stella fissa nella filmografia sarda. Cantore di un'isola dalle varianti sociali discutibili, dovute a un eccesso di moralismo da una parte e un concetto di propria giustizia, questo cineasta gioca con gli specchi cinematografici con il desiderio di creare nello spettatore un continuo faccia a faccia fra lui e i personaggi protagonisti dei suoi film. Nel 1988 dirige Disamistade con Massimo Dapporto e Maria Carta sulla tradizione e la cultura sarda e nel 1997 firma Il figlio di Bakunin dall'omonimo romanzo di Sergio Atzeni - dopo la parentesi documentaristica con Passaggi di tempo con le immagini della Sardegna negli Anni Trenta e Cinquanta e poi Faber in Sardegna(2015), dedicato a Fabrizio de André, torna alla finzione nel 2016 con La stoffa dei sogni, ispirato alla Tempesta di Shakespeare nella versione di Eduardo De Filippo.

 

Riccardo Giagni compositore e musicologo, ha lavorato a lungo nel settore della discografia in qualità di autore, arrangiatore e produttore (per Matia Bazar, Miguel Bosé, Cristiano De André, Grazia Di Michele e altri). Ha composto e collaborato alle colonne sonore di importanti lavori cinematografici diretti da registi come Marco Bellocchio, Mimmo Calopresti, Sabina Guzzanti e altri. Insegna all’Istituto Europeo di Design di Roma (master di Sound Design) e tiene seminari presso l’Università di Paris VIII (Saint-Denis). Tra i suoi ultimi impegni nel cinema figurano le musiche originali per i documentari di Maurizio Cartolano “148 Stefano. Mostri dell’inerzia”, Nastro d’Argento 2012, di Alessandro Piva “Pasta Nera”, candidato ai David di Donatello 2012 e di Ferdinando Vicentini Orgnani “Un minuto de silencio”, São Paulo International Film Festival, 2014.

 

Link Box

#creuza16






comments powered by Disqus

Other articles in this category
#FreeGabriele: Cagliari si mobilita per la liberazione del giornalista Gabriele del Grande
Innovare: il territorio azionista di se stesso. A Macomer la II edizione
Geografia, poesia e piccole realtà paesane: Franco Arminio in Sardegna
Franco Piersanti e Nicola Piovani a Cagliari: la parola a chi scrive Musica per il Cinema
A Cagliari nasce la MasterClass Sergio Miceli: Omaggio al grande studioso di Musica per Cinema
Pantheon Eventi lancia The X Actor: Concorso nazionale per attori
Festival Creuza de Mà: a Cagliari il primo corso di Musica per Cinema con Franco Piersanti
A Nuoro inaugura IdEA: Istituto di Espressione Arbitraria per la libera formazione artistica
#CortesApertasOrani 3.0: #Openitinerari, videoinstallazioni, 3D, Droni e OpenData per un #AutunnoinBarbagia
Signal Festival: musica d’avanguardia e sperimentazione elettronica
Ritorna a Cagliari Smart Cityness: il festival dell'innovazione nei territori al Ghetto degli Ebrei
Al via il Festival Internazionale Isole che Parlano: gli Angeli festeggiano i venti anni
Contemporary: a Donori il festival di musica e arte d’avanguardia
L'artista internazionale Franko B al Contemporary Festival di Donori
TEDx Macomer: una crisi ricca di opportunità
News
15757_650_320_dy_a_cagliari_lex_fabbrica_diventa_una_nuova_casa_per_artisti.jpg

Con la sperimentazione partita nella seconda metà del mese di agosto, l’associazione Urban Center presenta “hOMe”, luogo di produzione della città di Cagliari in cui artisti, creativi, artigiani e designer collaborano in uno spazio di contaminazioni artistiche tese alla creazione di idee, oggetti, opere e alla nascita di nuove sinergie professionali.

ecosistemaimpresa.jpg

Dopo diversi mesi di ideazione e programmazione, con il prezioso coordinamento scientifico ed organizzativo dell'associazione Urban Center, FinSardegna è lieta di annunciare che nelle date di venerdì 1 e sabato 2 luglio 2016, nei propri locali di viale Elmas 33 a Cagliari, si svolgerà la prima edizione del festival Ecosistema Impresa.

logo-nuoro_definitivo_web.png

Al via il percorso formativo dedicato alla fabbricazione digitale per le imprese, nell’ambito del Progetto Make in Nuoro realizzato dalla Camera di Commercio di Nuoro in collaborazione con l’Ailun. 28, 29, 30 giugno, dalle ore 9.00 alle 18.00. Il 1 luglio h. 12.00 appuntamento per tutti gli interessati per il taglio del nastro del nuovo Fablab, cuore tecnologico della Sardegna.

nordai.png

Cagliari, 2 maggio 2016 - La Startup Nordai regala alla Sardegna inue BOT, un BOT Telegram che, grazie alla piattaforma GeoNue, consente di avere accesso agli open data geografici ufficiali della Regione Sardegna sulla toponomastica dell’isola, grazie a un semplice messaggio sullo smartphone.

sardex.jpg

Rilanciamo da CheFuturo l'articolo scritto da Nicola Pirina, direttore generale di Sardex: La favolosa storia di Sardex, dal caminetto di nonna Elvira al round da 3 milioni in sei anni.

manifattura_combo_pp.jpg

L'Ex Manifattura Tabacchi è destinata a diventare un polo di innovazione che ospiterà start up e open innovation. Per i prossimi tre anni la gestione è affidata a Sardegna Ricerche. Approvato nei giorno scorsi il nuovo progetto della Giunta regionale, presieduta dal presidente Pigliaru, sull'Ex Manifattura Tabacchi di Cagliari.

pirina.jpg

Quella risalita sul Monte Gonare di fine settembre, un po' sacrificata alla nostra mezza età, ha sicuramente portato i suoi buoni frutti e fatto piacere a Nostra Signora, che, come ti avevo preannunciato, ci ha mandato dai cieli divini un po' della sua grazia. E ora che sei diventato il nuovo direttore generale di Sardex.net, caro Nicola Pirina, tocca veramente rimboccarsi le maniche per navigare, temerari e determinati, nell'iperspazio dell'economia sarda. Rilanciamo di seguito da CheFuturo! il racconto di Nicola Pirina su questa nuova avventura, augurando a lui, a Sardex e a tutta la Sardegna un grandioso ed entusiasmante 2016!

pane carasau.jpg

Il pane carasau, oltre che essere uno dei pani più fragranti del mondo, è uno dei più antichi e permette una conservazione a lungo termine. In Barbagia, dove sono cresciuta, le donne si riuniscono un'intera giornata per la preparazione del pane carasau - che soddisferà la necessità di pane della famiglia per tre mesi. Durante la mia adolescenza, dalle mani preziose e operose delle donne, ho appreso a "Tendere", "Cocchere", "Carasare" e "Assare". Utilizziamo ancora i "panni di massaria" di mia nonna, con i quali conserviamo da secoli il nostro pane preparato con lievito madre.  di Monica Mureddu