Sardinia Innovation

       Home  |  TAG  |  Events  |  Video  |  Partners
Sardinia Innovation Rss   Sardinia Innovation on Twitter   Sardinia Innovation on Facebook   Sardinia Innovation on Google Plus  
Articles > Updates > Geografia, poesia e piccole realtà paesane: Franco Arminio in Sardegna

  View this article in PDF format Print article Send article

Geografia, poesia e piccole realtà paesane: Franco Arminio in Sardegna

Created on 2017/1/16 | Update 2017/1/16 | 1365 reads
Geografia, poesia e piccole realtà paesane: Franco Arminio in Sardegna

Franco Arminio, l’eclettico poeta, paesologo e scrittore sarà ospite in Sardegna durante una due giorni dedicata alla poesia e alla geografia, in un racconto del mondo delle piccole realtà paesane. L'evento è organizzato dall'Associazione Luna Scarlatta nell'ambito del Festival Pazza idea. CaЯatteЯe Speciale. Macomer (NU) 20 gennaio h 18.30 - Modolo (OR) 21 gennaio ore 11.00.


 

“L'esistenza educa le forme

ad appassire.

Dal mio nome ogni giorno

cade una lettera”.

F. Arminio

 

Arminio è impegnato in una serie di iniziative di successo per il rilancio e la valorizzazione dei paesi e per conoscere da vicino i territori. Parlare di paesaggio facendo dialogare più discipline è una sfida culturale importante. Una lettura partecipata del territorio attraverso una narrazione artistica.

 

Venerdì 20 gennaio ore 18.30 la libreria Emmepi di Macomer ospiterà l’evento Cedi la strada agli alberi, reading di poesie inedite e non di Franco Arminio, raccolte nel nuovo volume in uscita a febbraio 2017 con Chiarelettere. Introduce Emiliano Deiana, Sindaco - appassionato di scrittura e poesia. A seguire degustazione dei prodotti delle Tenute Rossini.

 

Sabato 21 gennaio ore 11.00 presso la Sala Parrocchiale del Comune di Modolo si svolgerà l'incontro Geografia commossa dell'Italia interna, sulla paesologia e sul futuro delle piccole comunità, con Franco Arminio in conversazione con Omar Aly Kamel Hassan, Sindaco di Modolo, Emiliano Deiana, Sindaco di Bortigiadas e fondatore di #paesitudine, e Matteo Lecis Cocco Ortu (Progetto sPOP - Sardarch). Seguirà un dibattito aperto agli amministratori pubblici e agli operatori economici del territorio.

 

 


Opera di Jacek Yerka


Quasi tutti i giorni vado in giro per i paesi, vado a vedere che aria tira, a che punto è la loro salute e la loro malattia. Vado per vedere un paese, ma alla fine è il paese che mi vede, mi dice qualcosa di me, che nessuno sa dirmi”, così Franco Arminio nel film documentario di Andrea D’Ambrosio a lui dedicato, dal titolo ‘Di mestiere faccio il paesologo’. La sua definizione di paesologia “una scienza che studia i paesi, partendo dall’idea che ogni paese è diverso dall’altro”.

 

Abbiamo bisogno di contadini, di poeti, gente che sa fare il pane, che ama gli alberi e riconosce il vento. Più che l’anno della crescita, ci vorrebbe l’anno dell’attenzione. Attenzione a chi cade, al sole che nasce e che muore, ai ragazzi che crescono, attenzione anche a un semplice lampione, a un muro scrostato. Oggi essere rivoluzionari significa togliere più che aggiungere, rallentare più che accelerare, significa dare valore al silenzio, al buio, alla luce, alla fragilità, alla dolcezza. Dal libro di Franco Arminio "Geografia commossa dell’Italia interna" (Mondadori 2013).

 

L’incontro è inserito all’interno del Festival Pazza Idea. Carattere speciale promosso dall’Associazione Luna Scarlatta. Evento realizzato con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport e Assessorato del turismo, artigianato e commercio, e del Comune di Modolo. In collaborazione con Verbavoglio Libreria Emmepi Soc. Cooperativa di Macomer e le Tenute Rossini.

 



 

 

Bio Franco Arminio
Franco Arminio (Bisaccia, 19 febbraio 1960) è un poeta, scrittore e regista italiano, autodefinitosi come «paesologo». Arminio è nato e vive a Bisaccia, in provincia di Avellino. Collabora con "il manifesto", e "Il Fatto Quotidiano" ed è animatore del blog "Comunità Provvisorie". È documentarista e animatore di battaglie civili, battendosi, ad esempio, contro l'installazione delle discariche in Alta Irpinia e contro la chiusura dell'ospedale di Bisaccia. Nel 2009, con Vento forte tra Lacedonia e Candela. Esercizi di paesologia ha vinto il premio Napoli. Nel luglio 2011, con “Cartoline dai morti” ha vinto il premio Stephen Dedalus per la sezione "Altre scritture". Con Terracarne edito da Mondadori, ha vinto il premio Carlo Levi e il premio Volponi. Nel 2013 è uscito il suo ultimo libro di prosa “Geografia commossa dell'Italia interna”. È il direttore artistico del Festival della paesologia "La Luna e i Calanchi" di Aliano (MT). Nel 2015 fonda la Casa della Paesologia a Trevico (AV). Anima il blog “Comunità Provvisorie”. (Fonte Wikipedia)

 

Progetto sPOP
“SPOP: Istantanea dello spopolamento in Sardegna” è un libro edito da Lettera Ventidue a cura del collettivo Sardarch, laboratorio di ricerca coordinato da Francesco Cocco, Nicolò Fenu e Matteo Lecis Cocco-Ortu che da tempo analizza fenomeni di trasformazione del territorio. Il libro attraverso infografiche, testi, geomappe e fotografie offre un’istantanea della Sardegna contemporanea a partire dall’analisi di 31 comuni che potrebbero scomparire entro i prossimi 60 anni. La ricerca nasce dall’urgenza etica di mettere in campo e fare interagire molti ferri del mestiere, anche assai eterogenei, per affrontare una realtà poliforma e complessa da afferrare e trattare” ed esplora alcune risposte che la società sta offrendo, in modo più o meno esplicito, al fenomeno dello spopolamento attraverso esperienze che spaziano dai temi della cultura diffusa e dell’economia locale di prossimità al rapporto con le migrazioni. Questo volume, grazie ai contributi di studiosi di diversa natura apre un percorso di confronto e dibattito, che intende uscire dalle realtà accademiche e istituzionali, per creare una consapevolezza diffusa di un fenomeno che non riguarda solo l’isola ma gran parte del continente europeo.

 

Link Box

www.pazzaidea.org

https://comunitaprovvisorie.wordpress.com

http://www.comune.modolo.or.it

https://www.facebook.com/lunapazzaidea

 https://www.facebook.com/francoarminio

https://www.facebook.com/libreria.emmepi

https://www.facebook.com/Tenute-Rossini-1460547430846850/

 http://www.emilianodeiana.it/

http://www.sardarch.it

 

Per maggiori informazioni:

Mattea Lissia

 lunascarlatta11@gmail.com 







comments powered by Disqus

Other articles in this category
#FreeGabriele: Cagliari si mobilita per la liberazione del giornalista Gabriele del Grande
Innovare: il territorio azionista di se stesso. A Macomer la II edizione
Geografia, poesia e piccole realtà paesane: Franco Arminio in Sardegna
Franco Piersanti e Nicola Piovani a Cagliari: la parola a chi scrive Musica per il Cinema
A Cagliari nasce la MasterClass Sergio Miceli: Omaggio al grande studioso di Musica per Cinema
Pantheon Eventi lancia The X Actor: Concorso nazionale per attori
Festival Creuza de Mà: a Cagliari il primo corso di Musica per Cinema con Franco Piersanti
A Nuoro inaugura IdEA: Istituto di Espressione Arbitraria per la libera formazione artistica
#CortesApertasOrani 3.0: #Openitinerari, videoinstallazioni, 3D, Droni e OpenData per un #AutunnoinBarbagia
Signal Festival: musica d’avanguardia e sperimentazione elettronica
Ritorna a Cagliari Smart Cityness: il festival dell'innovazione nei territori al Ghetto degli Ebrei
Al via il Festival Internazionale Isole che Parlano: gli Angeli festeggiano i venti anni
Contemporary: a Donori il festival di musica e arte d’avanguardia
L'artista internazionale Franko B al Contemporary Festival di Donori
TEDx Macomer: una crisi ricca di opportunità
News
15757_650_320_dy_a_cagliari_lex_fabbrica_diventa_una_nuova_casa_per_artisti.jpg

Con la sperimentazione partita nella seconda metà del mese di agosto, l’associazione Urban Center presenta “hOMe”, luogo di produzione della città di Cagliari in cui artisti, creativi, artigiani e designer collaborano in uno spazio di contaminazioni artistiche tese alla creazione di idee, oggetti, opere e alla nascita di nuove sinergie professionali.

ecosistemaimpresa.jpg

Dopo diversi mesi di ideazione e programmazione, con il prezioso coordinamento scientifico ed organizzativo dell'associazione Urban Center, FinSardegna è lieta di annunciare che nelle date di venerdì 1 e sabato 2 luglio 2016, nei propri locali di viale Elmas 33 a Cagliari, si svolgerà la prima edizione del festival Ecosistema Impresa.

logo-nuoro_definitivo_web.png

Al via il percorso formativo dedicato alla fabbricazione digitale per le imprese, nell’ambito del Progetto Make in Nuoro realizzato dalla Camera di Commercio di Nuoro in collaborazione con l’Ailun. 28, 29, 30 giugno, dalle ore 9.00 alle 18.00. Il 1 luglio h. 12.00 appuntamento per tutti gli interessati per il taglio del nastro del nuovo Fablab, cuore tecnologico della Sardegna.

nordai.png

Cagliari, 2 maggio 2016 - La Startup Nordai regala alla Sardegna inue BOT, un BOT Telegram che, grazie alla piattaforma GeoNue, consente di avere accesso agli open data geografici ufficiali della Regione Sardegna sulla toponomastica dell’isola, grazie a un semplice messaggio sullo smartphone.

sardex.jpg

Rilanciamo da CheFuturo l'articolo scritto da Nicola Pirina, direttore generale di Sardex: La favolosa storia di Sardex, dal caminetto di nonna Elvira al round da 3 milioni in sei anni.

manifattura_combo_pp.jpg

L'Ex Manifattura Tabacchi è destinata a diventare un polo di innovazione che ospiterà start up e open innovation. Per i prossimi tre anni la gestione è affidata a Sardegna Ricerche. Approvato nei giorno scorsi il nuovo progetto della Giunta regionale, presieduta dal presidente Pigliaru, sull'Ex Manifattura Tabacchi di Cagliari.

pirina.jpg

Quella risalita sul Monte Gonare di fine settembre, un po' sacrificata alla nostra mezza età, ha sicuramente portato i suoi buoni frutti e fatto piacere a Nostra Signora, che, come ti avevo preannunciato, ci ha mandato dai cieli divini un po' della sua grazia. E ora che sei diventato il nuovo direttore generale di Sardex.net, caro Nicola Pirina, tocca veramente rimboccarsi le maniche per navigare, temerari e determinati, nell'iperspazio dell'economia sarda. Rilanciamo di seguito da CheFuturo! il racconto di Nicola Pirina su questa nuova avventura, augurando a lui, a Sardex e a tutta la Sardegna un grandioso ed entusiasmante 2016!

pane carasau.jpg

Il pane carasau, oltre che essere uno dei pani più fragranti del mondo, è uno dei più antichi e permette una conservazione a lungo termine. In Barbagia, dove sono cresciuta, le donne si riuniscono un'intera giornata per la preparazione del pane carasau - che soddisferà la necessità di pane della famiglia per tre mesi. Durante la mia adolescenza, dalle mani preziose e operose delle donne, ho appreso a "Tendere", "Cocchere", "Carasare" e "Assare". Utilizziamo ancora i "panni di massaria" di mia nonna, con i quali conserviamo da secoli il nostro pane preparato con lievito madre.  di Monica Mureddu