Sardinia Innovation

       Home  |  TAG  |  Events  |  Video  |  Partners
Sardinia Innovation Rss   Sardinia Innovation on Twitter   Sardinia Innovation on Facebook   Sardinia Innovation on Google Plus  
Articles > Updates > Il cielo sardo in un clic: le costellazioni sul software astronomico più usato al mondo

  View this article in PDF format Print article Send article

Il cielo sardo in un clic: le costellazioni sul software astronomico più usato al mondo

Created on 2017/4/28 | Update 2017/4/28 | 655 reads
Il cielo sardo in un clic: le costellazioni sul software astronomico più usato al mondo

Sedilo. C’è un po’ di Sardegna nell’ultima versione di Stellarium, il planetario open source più utilizzato al mondo. Grazie al contributo dell’astrofilo e informatico sedilese Giuseppe Putzolu, è possibile vedere le costellazioni della cultura popolare sarda, al pari di quella araba, cinese, azteca, egizia, maori ed eschimese. Ora si può usare il programma interamente in lingua sarda, scegliendo l’idioma isolano tra le 135 lingue supportate.


«E’ stato un lavoro impegnativo durato mesi - dichiara Giuseppe Putzolu - ma ne è valsa la pena, non potevo permettere che il cielo dei sardi, il nostro cielo, venisse dimenticato». «Mi sono avvicinato a questo software circa un anno e mezzo fa con lo sviluppo di un’animazione sulle costellazioni sarde - conclude Giuseppe Putzolu - e, con mia grande soddisfazione, il lavoro è stato inserito nel sito ufficiale del progetto».

 

Il lavoro sulle antiche costellazioni si basa soprattutto sulla rielaborazione delle ricerche effettuate dal Prof. Tonino Bussu e dal Dott. Marco Puddu. Scegliendo lo skyculture sardo, si possono ammirare le costellazioni de sos Sette Frades (il Grande Carro), sos Bacheddos (Orione), ma anche su Pinnetu (il Toro), sa Mandra (Auriga), sa Rughe de Santu Antinu (il Cigno) e s’Udrone (le Pleiadi). Il sardo utilizzato nel programma è quello del dialetto sedilese e la lingua moderna che viene parlata oggigiorno, che ben si sposa con l’italiano e i termini inglesi del vocabolario tecnologico e scientifico. E’ la dimostrazione, se ce ne fosse bisogno, che in sardo si può parlare di tutto.

 


 

Stellarium è un software libero multipiattaforma creato nel 2001 dal ricercatore francese Fabien Chéreau, coordinatore del progetto, al quale partecipa una squadra di programmatori provenienti da diverse parti del mondo. Dal 2001 ad oggi Stellarium ha avuto oltre 34 milioni e 300 mila download da 170 paesi. Possiede al suo interno un catalogo di oltre 600 mila stelle e consente di vedere le immagini delle nebulose, delle galassie e degli ammassi stellari presenti nel catalogo di Messier. Questo software viene impiegato non solo in ambito educativo, ma anche per scopi scientifici e di ricerca, specialmente nel campo dell’archeoastronomia e dell’etnoastronomia.

 

Link Box

www.stellarium.org







comments powered by Disqus

Other articles in this category
Chiodi Blu alias Digital Disorder al Ian Curtis Tribute: a Cagliari il 19 maggio
La Donna dell’anno: una sarda sul podio del premio internazionale
Il cielo sardo in un clic: le costellazioni sul software astronomico più usato al mondo
#FreeGabriele: Cagliari si mobilita per la liberazione del giornalista Gabriele del Grande
Innovare: il territorio azionista di se stesso. A Macomer la II edizione
Geografia, poesia e piccole realtà paesane: Franco Arminio in Sardegna
Franco Piersanti e Nicola Piovani a Cagliari: la parola a chi scrive Musica per il Cinema
A Cagliari nasce la MasterClass Sergio Miceli: Omaggio al grande studioso di Musica per Cinema
Pantheon Eventi lancia The X Actor: Concorso nazionale per attori
Festival Creuza de Mà: a Cagliari il primo corso di Musica per Cinema con Franco Piersanti
A Nuoro inaugura IdEA: Istituto di Espressione Arbitraria per la libera formazione artistica
#CortesApertasOrani 3.0: #Openitinerari, videoinstallazioni, 3D, Droni e OpenData per un #AutunnoinBarbagia
Signal Festival: musica d’avanguardia e sperimentazione elettronica
Ritorna a Cagliari Smart Cityness: il festival dell'innovazione nei territori al Ghetto degli Ebrei
Al via il Festival Internazionale Isole che Parlano: gli Angeli festeggiano i venti anni
News
15757_650_320_dy_a_cagliari_lex_fabbrica_diventa_una_nuova_casa_per_artisti.jpg

Con la sperimentazione partita nella seconda metà del mese di agosto, l’associazione Urban Center presenta “hOMe”, luogo di produzione della città di Cagliari in cui artisti, creativi, artigiani e designer collaborano in uno spazio di contaminazioni artistiche tese alla creazione di idee, oggetti, opere e alla nascita di nuove sinergie professionali.

ecosistemaimpresa.jpg

Dopo diversi mesi di ideazione e programmazione, con il prezioso coordinamento scientifico ed organizzativo dell'associazione Urban Center, FinSardegna è lieta di annunciare che nelle date di venerdì 1 e sabato 2 luglio 2016, nei propri locali di viale Elmas 33 a Cagliari, si svolgerà la prima edizione del festival Ecosistema Impresa.

logo-nuoro_definitivo_web.png

Al via il percorso formativo dedicato alla fabbricazione digitale per le imprese, nell’ambito del Progetto Make in Nuoro realizzato dalla Camera di Commercio di Nuoro in collaborazione con l’Ailun. 28, 29, 30 giugno, dalle ore 9.00 alle 18.00. Il 1 luglio h. 12.00 appuntamento per tutti gli interessati per il taglio del nastro del nuovo Fablab, cuore tecnologico della Sardegna.

nordai.png

Cagliari, 2 maggio 2016 - La Startup Nordai regala alla Sardegna inue BOT, un BOT Telegram che, grazie alla piattaforma GeoNue, consente di avere accesso agli open data geografici ufficiali della Regione Sardegna sulla toponomastica dell’isola, grazie a un semplice messaggio sullo smartphone.

sardex.jpg

Rilanciamo da CheFuturo l'articolo scritto da Nicola Pirina, direttore generale di Sardex: La favolosa storia di Sardex, dal caminetto di nonna Elvira al round da 3 milioni in sei anni.

manifattura_combo_pp.jpg

L'Ex Manifattura Tabacchi è destinata a diventare un polo di innovazione che ospiterà start up e open innovation. Per i prossimi tre anni la gestione è affidata a Sardegna Ricerche. Approvato nei giorno scorsi il nuovo progetto della Giunta regionale, presieduta dal presidente Pigliaru, sull'Ex Manifattura Tabacchi di Cagliari.

pirina.jpg

Quella risalita sul Monte Gonare di fine settembre, un po' sacrificata alla nostra mezza età, ha sicuramente portato i suoi buoni frutti e fatto piacere a Nostra Signora, che, come ti avevo preannunciato, ci ha mandato dai cieli divini un po' della sua grazia. E ora che sei diventato il nuovo direttore generale di Sardex.net, caro Nicola Pirina, tocca veramente rimboccarsi le maniche per navigare, temerari e determinati, nell'iperspazio dell'economia sarda. Rilanciamo di seguito da CheFuturo! il racconto di Nicola Pirina su questa nuova avventura, augurando a lui, a Sardex e a tutta la Sardegna un grandioso ed entusiasmante 2016!

pane carasau.jpg

Il pane carasau, oltre che essere uno dei pani più fragranti del mondo, è uno dei più antichi e permette una conservazione a lungo termine. In Barbagia, dove sono cresciuta, le donne si riuniscono un'intera giornata per la preparazione del pane carasau - che soddisferà la necessità di pane della famiglia per tre mesi. Durante la mia adolescenza, dalle mani preziose e operose delle donne, ho appreso a "Tendere", "Cocchere", "Carasare" e "Assare". Utilizziamo ancora i "panni di massaria" di mia nonna, con i quali conserviamo da secoli il nostro pane preparato con lievito madre.  di Monica Mureddu