Sardinia Innovation

       Home  |  TAG  |  Events  |  Video  |  Partners
Sardinia Innovation Rss   Sardinia Innovation on Twitter   Sardinia Innovation on Facebook   Sardinia Innovation on Google Plus  
Articles > Updates > La Donna dell’anno: una sarda sul podio del premio internazionale

  View this article in PDF format Print article Send article

La Donna dell’anno: una sarda sul podio del premio internazionale

Created on 2017/5/15 | Update 2017/5/15 | 1445 reads
La Donna dell’anno: una sarda sul podio del premio internazionale

Premio internazionale “La Donna dell’anno” dedicato al “dovere”: tre donne straordinarie - impegnate in progetti umanitari e di sviluppo in diversi Paesi del mondo - sul podio a Saint-Vincent. Tra questela sarda Alessandra Farris, creatrice della start up IntendiMe. Fino al 31 maggio il pubblico potrà votare on line per assegnare il Premio Popolarità. 


- Il medico Monika Hauser dedica tutta la sua vita a curare e sostenere le donne vittime di violenza sessuale nei conflitti di tutto il mondo e si batte affinché le politiche europee contrastino questa pratica bellica e includano lo stupro in guerra nelle motivazioni che danno diritto all’asilo. 

 

- Alessandra Farris nasce da genitori sordi e crea la start up IntendiMe, un innovativo sistema rivelatore di suoni che consente ai non udenti di superare la loro “disabilità invisibile”.

 

- La biologa Karina Atkinson sottrae all’agricoltura industriale intensiva un’area del Paraguay ricca di biodiversità in via di estinzione, creando la riserva naturale protetta di Laguna Blanca, meta di studiosi da tutto il mondo e fonte di reddito e sviluppo per la popolazione locale.

 

Il 31 maggio a Saint-Vincent sarà proclamata la vincitrice del 19° Premio Internazionale “La Donna dell’Anno”, promosso dal Consiglio regionale della Valle d’Aosta, con il patrocinio della Camera dei Deputati e del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, in collaborazione con il Comune di Saint-Vincent e il Soroptimist International Club Valle d'Aosta, e con il magazine femminile Donna Moderna in qualità di media partner.

 

«Il compito della Giuria non è stato facile, perché le candidature sono tutte meritevoli e raccontano storie di donne coraggiose che si sono spese per gli altri – dichiara il Presidente del Consiglio regionale della Valle d’Aosta Andrea Rosset -. Le finaliste incarnano perfettamente il tema scelto per l’edizione di quest’anno: il dovere. Hanno fatto del dovere un valore morale, da mettere a servizio del prossimo per abbattere barriere, per promuovere i diritti umani, per valorizzare uno sviluppo sostenibile

 

Il “dovere” di Gandhi al centro del Premio

Il riconoscimento, istituito nel 1998 con l'intento di valorizzare il ruolo delle donne nella società, nella cultura, nel mondo del lavoro, nella politica, nella comunicazione, nelle arti e nello spettacolo, si ispira quest’anno alla frase di Gandhi «La vera fonte dei diritti è il dovere». “Dovere” inteso come valore etico e capacità di dare forma a progetti di convivenza civile, economici e sociali, a sostegno dei diritti umani fondamentali, concetti di grande attualità sulla scena nazionale e mondiale, strettamente legati ai temi dell’accoglienza, dalla solidarietà, della crescita sociale, della convivenza civile.

 

Tre riconoscimenti a sostegno dei progetti delle finaliste

Le tre finaliste sono state selezionate dalla giuria del Premio tra 23 nomi proposti da ONG, enti e associazioni di tutto il mondo. Mercoledì 31 maggio, al Centro Congressi del Gran Hôtel Billia di Saint-Vincent, riceveranno ciascuna uno dei tre premi previsti dagli organizzatori: il primo premio “La Donna dell’Anno” del valore di 20mila euro, il Premio Popolarità di 15mila euro, e un terzo premio da 10mila euro, somme che dovranno essere spese interamente per la realizzazione o il completamento dei progetti umanitari e di sviluppo per i quali le vincitrici sono state selezionate.

 

Il Premio Soroptimist Valle d'Aosta

Il Soroptimist International Club Valle d'Aosta ha attribuito il proprio riconoscimento di 2mila 500 euro a Elisabetta Rossi, cardiologa che da oltre dieci anni nel Corno d’Africa, particolarmente in Eritrea, dirige progetti di cooperazione ospedaliera, soprattutto finalizzati alla prevenzione e alla cura della cardiopatia reumatica, al trattamento della malnutrizione e, più in generale, al miglioramento delle condizioni di vita della popolazione.

 

Dal 3 maggio il voto on line

Mentre i nomi della prima e della terza classificata saranno indicati dalla giuria nel corso della cerimonia, il Premio Popolarità sarà scelto dal pubblico del web di tutto il mondo attraverso una consultazione on line che prenderà il via mercoledì 3 maggio sul sito del Consiglio regionale della Valle d’Aosta (per votare: www.consiglio.vda.it/app/donnadellanno). Nel caso in cui dovesse coincidere con il Premio “La Donna dell’Anno”, il Premio Popolarità sarà assegnato alla seconda finalista più votata dal pubblico.

 

Una targa “speciale” Donna Moderna

Durante la cerimonia di premiazione, una targa speciale sarà assegnata a una delle tre finaliste dal direttore del settimanale Donna Moderna, media partner del Premio. «Il magazine Donna Moderna ogni settimana racconta la storia di una donna speciale, che nel piccolo della sua quotidianità o nello spazio della sua professione ha fatto qualcosa di straordinario per gli altri – spiega il direttore Annalisa Monfreda. - Proprio per questo motivo, sentiamo il Premio internazionale “La Donna dell’Anno” particolarmente affine al nostro brand

 

Le premiate nelle edizioni precedenti

I personaggi femminili che saranno premiati quest’anno si aggiungono a una lunga lista di donne straordinarie selezionate nelle passate edizioni: la giornalista congolese Caddy Adzuba Furaha, la deputata curda Leyla Zana, il medico Chiara Castellani, la delegata dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Alessandra Morelli, l’attivista yazida che si batte contro i crimini dell’Isis Nadia Murad (vincitrice edizione 2016).

 

PER VOTARE: LINK







comments powered by Disqus

Other articles in this category
Chiodi Blu alias Digital Disorder al Ian Curtis Tribute: a Cagliari il 19 maggio
La Donna dell’anno: una sarda sul podio del premio internazionale
Il cielo sardo in un clic: le costellazioni sul software astronomico più usato al mondo
#FreeGabriele: Cagliari si mobilita per la liberazione del giornalista Gabriele del Grande
Innovare: il territorio azionista di se stesso. A Macomer la II edizione
Geografia, poesia e piccole realtà paesane: Franco Arminio in Sardegna
Franco Piersanti e Nicola Piovani a Cagliari: la parola a chi scrive Musica per il Cinema
A Cagliari nasce la MasterClass Sergio Miceli: Omaggio al grande studioso di Musica per Cinema
Pantheon Eventi lancia The X Actor: Concorso nazionale per attori
Festival Creuza de Mà: a Cagliari il primo corso di Musica per Cinema con Franco Piersanti
A Nuoro inaugura IdEA: Istituto di Espressione Arbitraria per la libera formazione artistica
#CortesApertasOrani 3.0: #Openitinerari, videoinstallazioni, 3D, Droni e OpenData per un #AutunnoinBarbagia
Signal Festival: musica d’avanguardia e sperimentazione elettronica
Ritorna a Cagliari Smart Cityness: il festival dell'innovazione nei territori al Ghetto degli Ebrei
Al via il Festival Internazionale Isole che Parlano: gli Angeli festeggiano i venti anni
News
15757_650_320_dy_a_cagliari_lex_fabbrica_diventa_una_nuova_casa_per_artisti.jpg

Con la sperimentazione partita nella seconda metà del mese di agosto, l’associazione Urban Center presenta “hOMe”, luogo di produzione della città di Cagliari in cui artisti, creativi, artigiani e designer collaborano in uno spazio di contaminazioni artistiche tese alla creazione di idee, oggetti, opere e alla nascita di nuove sinergie professionali.

ecosistemaimpresa.jpg

Dopo diversi mesi di ideazione e programmazione, con il prezioso coordinamento scientifico ed organizzativo dell'associazione Urban Center, FinSardegna è lieta di annunciare che nelle date di venerdì 1 e sabato 2 luglio 2016, nei propri locali di viale Elmas 33 a Cagliari, si svolgerà la prima edizione del festival Ecosistema Impresa.

logo-nuoro_definitivo_web.png

Al via il percorso formativo dedicato alla fabbricazione digitale per le imprese, nell’ambito del Progetto Make in Nuoro realizzato dalla Camera di Commercio di Nuoro in collaborazione con l’Ailun. 28, 29, 30 giugno, dalle ore 9.00 alle 18.00. Il 1 luglio h. 12.00 appuntamento per tutti gli interessati per il taglio del nastro del nuovo Fablab, cuore tecnologico della Sardegna.

nordai.png

Cagliari, 2 maggio 2016 - La Startup Nordai regala alla Sardegna inue BOT, un BOT Telegram che, grazie alla piattaforma GeoNue, consente di avere accesso agli open data geografici ufficiali della Regione Sardegna sulla toponomastica dell’isola, grazie a un semplice messaggio sullo smartphone.

sardex.jpg

Rilanciamo da CheFuturo l'articolo scritto da Nicola Pirina, direttore generale di Sardex: La favolosa storia di Sardex, dal caminetto di nonna Elvira al round da 3 milioni in sei anni.

manifattura_combo_pp.jpg

L'Ex Manifattura Tabacchi è destinata a diventare un polo di innovazione che ospiterà start up e open innovation. Per i prossimi tre anni la gestione è affidata a Sardegna Ricerche. Approvato nei giorno scorsi il nuovo progetto della Giunta regionale, presieduta dal presidente Pigliaru, sull'Ex Manifattura Tabacchi di Cagliari.

pirina.jpg

Quella risalita sul Monte Gonare di fine settembre, un po' sacrificata alla nostra mezza età, ha sicuramente portato i suoi buoni frutti e fatto piacere a Nostra Signora, che, come ti avevo preannunciato, ci ha mandato dai cieli divini un po' della sua grazia. E ora che sei diventato il nuovo direttore generale di Sardex.net, caro Nicola Pirina, tocca veramente rimboccarsi le maniche per navigare, temerari e determinati, nell'iperspazio dell'economia sarda. Rilanciamo di seguito da CheFuturo! il racconto di Nicola Pirina su questa nuova avventura, augurando a lui, a Sardex e a tutta la Sardegna un grandioso ed entusiasmante 2016!

pane carasau.jpg

Il pane carasau, oltre che essere uno dei pani più fragranti del mondo, è uno dei più antichi e permette una conservazione a lungo termine. In Barbagia, dove sono cresciuta, le donne si riuniscono un'intera giornata per la preparazione del pane carasau - che soddisferà la necessità di pane della famiglia per tre mesi. Durante la mia adolescenza, dalle mani preziose e operose delle donne, ho appreso a "Tendere", "Cocchere", "Carasare" e "Assare". Utilizziamo ancora i "panni di massaria" di mia nonna, con i quali conserviamo da secoli il nostro pane preparato con lievito madre.  di Monica Mureddu